Attenzioni

D’incantesimo si aprono

petali d‘un fiore qualunque

Gocce di rugiada

di una purezza cristallina

Alpi che disegnano uno sfondo

alla meraviglia che cogli nell‘orizzonte

Fumi di camini

che conoscono storie

Sagome in movimento

che raccontano vite

Profili fatti col pennello

arredano luoghi di magia

Soffi concessi dall‘aria

Non una volta dimenticano il cielo

E poi battiti,

di tempo e di cuori

Ed ancora, per ogni cosa, attenzioni

Nel qui e adesso

Ha un gusto di semplice il presente, il qui e adesso, genuino, completo…come sentirsi a casa, eppure molto spesso si vive nel passato o si balza al futuro lasciando all‘attuale troppo poco spazio.

A volte l‘esserci oggi é pesante, opprimente e la reazione e cercare un rifugio altrove; in un ricordo, un profumo, una canzone oppure li più avanti in un progetto in un‘ambizione. Così succede che diventa un abitudine il fuggire dall‘ora, dal qui e adesso.

Molti stimoli esterni ci portano anche dentro questo meccanismo e, presto e facilmente si dimentica l‘importanza dello stare nel presente.

Leggi tuttoNel qui e adesso

Danza dentro al vento

Qualche volta vivi e non ne sai il perché, altre volte vivi senza un perché, certe volte il perché lo conosci eccome, ti riempi o ti svuota, ma ne lascia un motivo, una traccia.

Ad ogni modo non ne perdi il suono, non perdi la speranza e con sole o pioggia, insalita o discesa, tu danzi col vento..danzi nel vento.

Leggi tuttoDanza dentro al vento

Tutti tempi duri

Non esistevamo in questa/quell‘epoca, esistiamo qui ed ora, eppure ogni epoca conosce le sue maledizioni e difficoltà, eppure qui e là e come se fossimo esistiti, come se esisteremo…già perché la storia si ripete. Troppo facile dire si ripete, troppo facile pensare ad un filo che unisce…eppure é nella semplicità che esiste il riscontro. Sta nella natura spoglia di incontri sociali, apparenze virtualizzazione, virtuale che diventa vita e quotidiano…

Fuori da lì, fuori da tutto..selva, fauna e flora piangono..urlano riscossa e vendetta in forma pacifica.

Leggi tuttoTutti tempi duri

Fatica a lasciar andare

Sento di essere troppo stanca e lo accuso ormai da molto tempo, sia a livello fisico che a livello psicologico. Fatica a dormire e addormentarmi, dolori cronici muscolari e articolari, preoccupazioni che da pensieri passano ad incubi e viceversa, e mi chiedo come mai sono caduta in questo circolo vizioso..come mai una personalità ricca di positività e solarità come la mia sia potuta sprofondare…

Certo trovo molte risposte in questo periodo difficile che sto attraversando in prima persona, ma anche come indiretta coinvolta.

Ancora una volta la sofferenza é tornata a bagnare le mie giornate, consegnando al mio volto un‘altra cicatrice che non se ne andrà e che, guardandomi allo specchio mi vorrà sempre ricordare di non fidarmi del tutto della felicità, di non godermi al fondo i momenti perché dietro ogni angolo anche le curve c‘é l‘ombra pronta a spararmi gratuitamente un‘altra freccia al cuore…

E ti chiedi cosa mai di sbagliato avrai fatto, quale potente piede hai pestato, inqualificabile vita hai commesso tanti erotische meritare tutto ciò. Ti senti stupida nella lamentela, nel tuo soffrire perché sai che non sei l‘unica, non é la fine del mondo e nemmeno la più grave delle pene…che hai tante fortune, amori attorno a cui dovresti attingere per coprire i tuoi dolori, ma non sempre si può, ogni tanto bisogna crollare, per risalire alla cima della montagna che ti sei conquistata, per poter sognare ancora con le tue albe e tramonti, per respirare a pieno quell’aria solo tua e sana…

Per ora fatica, ma di là, vicino anche se sembra lontano già sento il mio mondo che continua a battere ai ritmi della mia serenità temporaneamente perduta che sto tentando di riafferrare, ancora un pochino, ancora qualche sforzo, passo e pazienza e tornerò al sole, lo so.

Ingannarsi più facile del riuscire

Quante volte decidiamo di incontrare scorciatoie del piacere, alternative dì realtà, abbreviare passaggi ostentando risultati?

Desideriamo tanto abbracciare la felicità fondamentalmente, ma vale questo riempirla in apparenze? Sommare esternamente medaglie di vittorie conseguite facilmente, mentendoci, non colmerà le nostre insoddisfazioni, ma al contrario, le nutrirà e, quando a questo circuito concediamo di vivere e cosa peggiore, di diventare abitudine, il nostro benessere sarà inganno, con la conseguente difficoltà di ricalibrare le cose per darci un equilibrio. Ciechi nel mondo delle favole, tanto l‘immaginario tutto puó…

Leggi tuttoIngannarsi più facile del riuscire

Bambini, qualcosa come per sempre

Proprio come loro dovremmo saper vivere, tralasciando le malizie, consegnando i nostri pesi al dimenticatoio, affrontando le giornate come dovessero essere le ultime, come non avessimo più in un altro momento il modo e l‘occasione di dare il nostro meglio per vivere quei momenti…quelle curiosità e novità.

Leggi tuttoBambini, qualcosa come per sempre

In quel posto nessuno vuol vivere

Vorrei affrontare un tema conosciuto e diffuso che non riceve a mio avviso tutt’ora, la giusta e dovuta attenzione. Si tratta di quanto moltissime delle medicine generiche e non che molto spesso ci troviamo a dover o voler usare influiscano sullo stato della psiche. Persino nell‘omeopatia e negli Integratori esiste la possibilità di alterare le normali funzionalità neurali, come le trasmissioni fra esse, la produzione di determinati ormoni o endorfine necessari per la nostra stabilità psichica/comportamentale e non solo, anche quella fisica ovviamente.

Leggi tuttoIn quel posto nessuno vuol vivere

La corsa del tempo

Sfugge ancora una volta, corre verso ogni direzione e poi nessuna…ma dove andrai mai, mi chiedo, o mio tempo? Esco da te, solo per ritrovarti, rispose…

Un po‘ questa frase uscita dal petto quella che descrive la mia vita degli ultimi mesi, un continuo battere di ali per un volo nel quale non mi sono ancora issata…eppure ne sento la fatica come avessi percorso centinaia e migliaia d chilometri a battute di piume…

Sono prigioniera del nulla vivente, dentro l‘occhio di un ciclone a perdifiato a perditempo, in cerca di qualcosa che non trovo o vedo più al suo solito posto, abbattuta, demotivata, stanca. Indietreggio da questa sfida di vita, forse così ritroverò il posto da cui sono partita…forse cosi daró lo spazio alla mia anima di rientrare nel suo corpo…

Io non lo so se questa é una faccia della depressione, non lo so se un volta essa lo detiene, so solo quanto mi sento vuota, sola, inerme e so, che da qualche parte in me sta avvenendo un‘enorme dispersione di energia in qualche luogo, persona o sentimento di perdizione, non dovuto, ma soprattutto non cercato.

Nuvole di negatività stanno lasciando cadere gocce di un‘amara pioggia nel mio giardino, ma io a questo non ho dato terreno…eppure bagna il mio…

Questa settimana ricominceranno gli appuntamenti coi miei strizzacervelli finalmente, a cominciare da domani, mi urge assai questo confronto, mi punge assai questo momento. Fisico, mente e ambiente, come se i miei stimoli non raggiungessero il loro obiettivo andando a sbattere su muri e barriere invisibili, gettate da chi con forza desidera male per e i miei più cari, non lascerò vincere questa energia, non lascerò che mi porti via ciò che di più caro ho e ho raggiunto…tesserò il mio specchio riflesso e lo esporrò a tempo debito…tutto tornerà ai mittenti per mezzo della natura madre.

Perdonatemi se non sempre posso essere presente come ero e come vorrei, sto cercando di dare il mio meglio, ma é davvero un momento difficile per me che necessita molto della mia presenza ed energia in campo.

Mia figlia è anche malata, polmonite, e questo mi distrugge e mi richiede attiva giorno e notte ai suoi fabbisogni giustamente..a presto a voi tutti di cuore buone cose!