Dolce creatura

Finemente uniti dal destino,

si avvicinano a gran passo certi cuori.

Non si potranno mai lasciar andare del tutto,

né viversi al completo.

Consapevoli di voler restare uno,

concedendo alle loro anime di baciarsi.

Avvolgenti fulmini le donano corrente,

quel profilo solo vostro,

quelle mani cariche di voglia a strizzare la carne.

E di nuovo distanti a prender fiato

per un‘intensità che non conosce regola.

Tratta di dolci creature e pelle dura,

di una storia che vuol raccontare l‘infinito.

Continua

Perché quando dentro stai per morire,

non si sente cosí forte il tuo grido tremante,

Poi disteso a terra molti tenderanno le loro mani,

Non curanti del fatto che l‘alzarsi e l‘ultima delle tappe di una tempesta

e quando in piedi tornerai a sorridere

vorrebbero la tua gratitudine,

ma tu la dovrai come sempre solo a te stessa.

E quel grido scoprirai essere una cura che a niente più regalerà la tua paura,

continuerai a scorrere il tempo

con  un batter di petto

che non esita a ricordarti il rispetto.

Dai il ritmo a quel tremare,

e continua, continua a remare❣

 

 

Lasciando morire il mondo in mano ai nostri figli

Non so quale sia la motivazione che possa spingere una persona ad indossare una maschera.

Ci sono messe in scena, doppie vite costruite sui volti della gente. Questa strana energia che si forma nell‘aria scaturita da azioni pilotate, non naturali, non reali, mi schiaccia l‘anima. Toglie il fiato.

Ecco che molto spesso mi sembra di vivere in un mondo di plastica, in una finzione che mi insidia il dubbio su ogni cosa, e la fiducia scivola…trascinadosi la stima.

Leggi tuttoLasciando morire il mondo in mano ai nostri figli

Quell’intermittente senso del precipizio

La notte passata ho dormito davvero poco, sempre meno, non c’era modo di spegnere la mia testa…aiaiaiai, per niente un buon segno, ma piu’ che altro se questa notte che viene non dormiro’ sarà da far valutare la situazione, poichè è molto probabile che  siano cenni di iperfunzionalità fuori dagli schemi normali diciamo.

Leggi tuttoQuell’intermittente senso del precipizio

Nel segno dell’aurora

“Mi bacia un raggio dal fondo,

dice di pace e serenità.

Io immobile mi lascio cullare da questo dolce buongiorno,

come fosse un momento di unicità.

Nella mente tengo il mio desiderio,

m’incammino verso esso con armonia.

Mi bacio le mani mie grandi amiche,

e mi stringo in un abbraccio tutto mio.

Questa strada non mi è nuova,

la continuo nel segno dell’aurora.”