L‘invisibile d‘io

Dico sempre, che se c’è da aver paura di qualcosa, non é di quel che si vede e tocca, semmai di ciò che esiste ma non siamo nella capacità di vedere in quanto si tratta di cose che per certi versi si possono indirettamente osservare sotto forma di effetti leggeri o meno che fanno sul nostro corpo e mente, ma nella realtà dei fatti, rimangono invisibili ad occhio nudo in quanto é umanamente impossibile di captarle o materializzarle.

In queste settimane è iniziata l‘accelerazione del Countdown finale per l‘essere umano, ci troviamo di fronte alla prima grande vera ed enorme apocalisse di ogni tempo e ciò nella piena e totale incoscienza comune, poiché siamo stati a tal punto traviati é deviati da un‘infinita di informazioni mediatiche, di tempistiche, di schemi, di malattie, di perversione,di materia, materiale e chi più ne ha più ne metta, da non essere più facile l‘accorgesene o il credere l‘uno o l‘altro parere, da non avere più fonti né fede neutrale o imparziale, nette opinioni, logica o filosofica che sia…a tal punto da autodichiararsi pronti al punto. Uguale cosa sia, quale sia, quanto sia e come venga…poiché quel che sarà o sarà é talmente grande per noi, da sembrare di non poterci più fare nulla. É proprio qui che i duri iniziano a giocare.

Leggi tuttoL‘invisibile d‘io

L‘esercito degli invisibili

 

C’era una volta una fanciulla che piccola piccola non fu mai…ma sola in tutto questo nemmeno.
Era una bimba dai capelli lunghi e boccoli disegnati col pennello, negli occhi un farò che la guidò in ogni buio e tempo.

Leggi tuttoL‘esercito degli invisibili

Il termine paragone

Il fatto stesso che già la parola in sè è composta da “para” (parallelo) mi aiuta ad orientarmi nel discorso che voglio affrontare questa volta. Vorrei mettere l’accento infatti, su come arrivare a certe conclusioni complete nei punti di visti primari considerati, cioè nell’incognita da un lato e nella logica dal’altro. ruotando attorno a noi gli assi in soggetto.

Sono convinta che sia necessario quanto affascinane partire ed incanalare i nostri ragionamenti sempre considerandone, metaforicamente parlando un esempio di segmento (linea compresa pra due punti) ed uno di retta (l’infinità), da una parte la classica stanza con porta e finestre, dall’altra un open space.

Leggi tuttoIl termine paragone

Regalando il riflesso al vento (Citazione)

“Guardo nel mondo con gli occhi di ghiaccio, nel cuore una fiamma scalda l’atmosfera

Sono dentro di me a casa e porto in dono messaggio di pace

Respiro l’aria di ognuno vivo il modo di pochi

Una stella accarezza la mia anima avvolgendola di sincerità

Mi regalarono una luce che tutto intorno fa tacere

Siamo uniti da un filo invisibile

Solo al vento potro’ regalarne il riflesso

Lasciando che lo porti con esso raggiungendo gli spirito lontani dal loro corpo

mostrandogli la via, è questa la storia mia.”