Il silenzio

Freddo manto a coprire gli spazi fra le parole,

luoghi di ghiaccio che la tua mente va a toccare,

vortici di pensieri come fiumi in piena

avvolgono il tuo cuore

che non sai dove vada a finire.

Punge l‘amaro nella gola,

fatto di nodi nel vuoto di ogni certezza.

Spazi che si creano come voragini,

la paura di caderci dentro

per poi non trovarsi mai più…

Leggi le pagine di una storia che ben ricorda il capo

e non definisce una fine.

Orizzonti che restano appesi a speranze,

in un lago d‘amore che uguali non conosce.

Silenzi che vengono per parlare,

tu dalla costa, seduta, stai a guardare ed aspettare.

Non sai quale forza ti porti a continuare,

l‘unica possibile é legata all‘amare.

Dolce creatura

Finemente uniti dal destino,

si avvicinano a gran passo certi cuori.

Non si potranno mai lasciar andare del tutto,

né viversi al completo.

Consapevoli di voler restare uno,

concedendo alle loro anime di baciarsi.

Avvolgenti fulmini le donano corrente,

quel profilo solo vostro,

quelle mani cariche di voglia a strizzare la carne.

E di nuovo distanti a prender fiato

per un‘intensità che non conosce regola.

Tratta di dolci creature e pelle dura,

di una storia che vuol raccontare l‘infinito.

Ombre di luce

Soffitti decorati da sguardi

che cercano di riempire i vuoti

Luci aggraziate si posano su palpebre solcate

Donando loro riflessi migliori

paesaggi di colore.

Occhi asciutti e fissi

posati su obiettivi non lontani

Cuori al ritmo di vita

che accennano alla felicità

Ombre senza più  gusto di amaro

accompagnano i tuoi passi

Senti un‘anima bruciare

una bambina che ancora molto ha da perdonare

Di quella fiamma arderai silente

se non per il bene

t‘importa di niente.

 

 

Pioggia di ghiaccio

Tempeste di fuoco nella mente

incontrano spoglie nuvole cariche di pioggia.

Il ghiaccio scende ai cuori,

avvolge un’atmosfera acida.

Vedi gli abbracci scivolarti accanto,

ti si apre una ruga in viso.

Sentieri di parole ricoprono la tua strada,

piove ghiaccio nel cammino,

ma quel tuo ardere scioglie il tutto.

Di magia sai di saper vivere

accolta da trasperenze che per te sono vita.

Non aspetti che il tuo prossimo arcobaleno, ci salirai

per goderti il tuo ciel sereno.

Io che vivo di luna e mi nutro di sole

 

Si danza sotto la pioggia
Mani tese ad accarezzare il vento,
Silenzio, lampi, impronte nel fango

Poi rapido il ritorno al sole
Musiche e colori di vita e natura
Cuori seduti nelle distese
Ancora silenzio, ancora impronte per gli occhi

Scruti e non sai bene perché
Guardi e vedi, ma non ti rispondi
Un fiume trascorre il tempo coi tuoi pensieri
Quelli di oggi, quelli di ieri..

Meraviglie col volto di luce ovunque
Quando l‘ombra non ha più nulla da vincere dentro di te

Osservi il viso della triste luna
Che ogni notte il sole tiene accesa
Per ricordarle che sta fra le stelle

Un brivido attraversa la pelle
Emozioni che non vanno a morire da nessuna parte
Forze che escono dalle radici
Che non ricordi più di aver piantato,
Vanno a dormire con la luna
Ma vogliono svegliarsi nel sole.

Bipolsoul.com

Orizzonti nati facili

D‘incanto si aprono vie,

si aprono e sembrano tue da sempre..

si aprono e già sai che le avevi costruite.

Non t‘importa di paragonare fatiche.

I tuoi passi si fermano duri al contatto,

le ragioni stanno proprio nel tatto.

Compi opere d‘io, che riguardano un eco

fiato spezzato, cuore gelato anima persuasa, ma soave.

Non sai più che ti spinge a non essere fragile,

ma lo sai, quell‘orizzonte che vedi,

tutt‘altro fu che facile per i tuoi piedi.

Conquista.

Continua

Perché quando dentro stai per morire,

non si sente cosí forte il tuo grido tremante,

Poi disteso a terra molti tenderanno le loro mani,

Non curanti del fatto che l‘alzarsi e l‘ultima delle tappe di una tempesta

e quando in piedi tornerai a sorridere

vorrebbero la tua gratitudine,

ma tu la dovrai come sempre solo a te stessa.

E quel grido scoprirai essere una cura che a niente più regalerà la tua paura,

continuerai a scorrere il tempo

con  un batter di petto

che non esita a ricordarti il rispetto.

Dai il ritmo a quel tremare,

e continua, continua a remare❣

 

 

Zone nuove

„Ombre di ieri e di oggi

ombre che parlano di sé, da sé..

mai sia la forza poca

per permetterle di oscurare il proprio sole

mai sia la speranza persa

dei giorni felici

Vasi colmi di esperienze

che lasciano abitare tra le radici il torpore

ma solo per far nascere il fiore dell‘amore..

Venti esplosi nel petto

capaci di spostare ogni nuvola

capaci di tener viva la fiamma della tenacia

Senzazioni venute per aggiungere righe al cuore

Opportunità, aggiunte di calore..

Sfiorati la pelle

fai passare le ore,

accomodati ad ammirare le tue zone nuove“