Sei di quelle invisibili

Sa essere dura la realtà, sa essere così dura da confonderla con la vita. Per quanta forza, volontà e cura tu possa investirci, alle volte non basta.

Ricordi di un sole non tanto lontano, ma pur sempre non raggiungibile in questo momento. Sogni di essere in un incubo e di svegliarti presto, ma proprio sembra che non sia un tempo a tuo favore…cerchi di accettare anche questo, racimoli le tue qualità e gonfi i polmoni di aria per soffiare via questa brutta ombra di nubi che ha deciso di accompagnarti.

Non ti senti di dare colpe se non a te stessa, sai di non essere sempre stata buona verso di te ed il giusto delle azioni da prestare.

Vuoi rimediare, per qualcosa é tardi, per altro presto…insomma la tua bilancia non batte il tuo tempo; come viaggiare su due parallele distanti, ma comunque legate ad un centro, un nucleo, un desiderio con la tua età, che porta il nome dell‘amore.

Volgi giornate in cerca di una pace interiore tradita, che hai tradito anche tu e peggio, hai concesso di tradire…quanto male hai permesso di farti avvicinare?? Per quale ragione poi?

Credente di un destino che ti vuole vittima e che tu non vuoi dare per vinto, credente di un universo che le stelle sanno colorare…regali a loro le tue lacrime, sperando vengano ascoltate.

Troppo dolore per te nell‘umanità, troppe ingiustizie al mondo, e troppo breve il passo per il rimediare…così vicino da non essere abbastanza visto.

Affronti, poiché o fai così oppure affondi, e di nuotare non hai più la voglia, vorresti solo goderti un orizzonte tenero in silenzio e pace…nel tuo profondo lo sai che esisterà questo giorno, e allora aspetti, a gomiti che puntati ti fai spazio fra le nubi, importa poco e tanto quanto ci metterai, ma conta che ci vai e questo lo fai. Lo devi a te stessa.

Non é di vincere che hai sete, ma di esistere e sentirti viva e giusta; troppo critica verso il tuo volto solcato, troppo severa con la tua anima certo buona.

Avessero le colpe del mondo un po‘ di questa coscienza mai abbastanza pulita per sentirsi in merito…sentirsi sempre e solo ospiti e quella paura e vergogna di sporcare il tuo, il nostro, il vostro.

Tristemente dura la mente, per chi sa quanto costa e vale un sorriso dal cuore; quello che non sfocia sulle labbra ma brilla negli occhi di una vita desiderata.

Vai vai, vai via e ritorna, vai e continua ad andare, perché se ti fermi, tu lo sai, finisce un capitolo ed invece vuoi ancora scrivere di te, hai bisogno in qualcosa di esistere.

Lascia un commento