Essere chi non sono

Forse sono chi non vorrei essere, forse vorrei essere chi non sono…non per rinuncia alla mia vita, non per gettare la spugna; semplicemente mi sento nel posto sbagliato al momento e ciò, non può giovare alla mia routine.

Come vedersi nello specchio e non riconoscersi nel contesto, come aggiungersi alla folla e sentirsi lo stesso soli, come navigare in corrente, a massimo sforzo e poco rendimento.

Non posso credere che a voi funziona tutto come mostrate nei social, nell’apparenza…siamo tutti fragili di fronte ad un „io“ che vuole parcheggiasti altrove.

Si issano montagne di <non lo so> di <perché> e <forse>, ma in realtà quel che si cerca non sta fuori ma dentro. Sí dentro, quel posto chiamato per trovarsi deciso per perdersi…

Mi ascolto troppo ed anche troppo poco, so cosa mi manca e non posso toccarlo; come un regalo alla previglia di natale…già natale, quando arriva il mio sono? Ne sono meritevole, ho lavorato abbastanza per guadagnarmelo??!!

Che mondo strano é mai questo? Sai dove puoi puntare e non puoi permetterti di arrivarci ora o cosí, o come…ma sai che é la tua spiaggia ad un passo dal cielo…

Tristezza infinita ti bagna le ginocchia, tremi, razzoli e sai nel tuo profondo perché. Solo non lo so e non lo accetta una società di consumismo di ego di via via veloce…

Vorrei correre qui e là, gridare, tirare pugni, nascondermi, violare….ma lo so che non serve…é qui nell’oggi nell’io che devo abitare…

Perché voi mi fermate, perché ho la sensazione che voi lo facciate?!?perché non essere ognuno se stessi…liberi da ogni catena che il millennio ci porta? Che il tesoro ci storta?

Non ne posso più e vorrei, non ne posso più e farei, non ne posso più e darei….

Oggi mi sento nel mondo che non c’è e vorrei ci fosse…

Lascia un commento